Nascita ed evoluzione del brigantaggio. Dal brigantaggio alla mafia. Ricerca sul brigantaggio.

Brigantaggio

www.brigantaggio.info


In particolari momenti di crisi politica e sociale il brigantaggio da fenomeno individuale poteva diventare fenomeno collettivo; dal brigante isolato si passava allora alla banda, dalla rapina si passava alla guerriglia diretta contro i proprietari e le loro proprietà, contro i comuni, gli archivi comunali, i gendarmi, l’esercito: i simboli e gli strumenti dell’oppressione del povero.
Ciò accadde appunto, assumendo dimensioni mai prima avute, tra il 1860 e il 1861, quando a seguito della spedizione dei Mille capeggiata da Garibaldi la monarchia dei Borboni di Napoli cadde e il Mezzogiorno fu annesso al nuovo Regno d’Italia.
I contadini meridionali in generale erano stati favorevoli all’impresa garibaldina, convinti che essa significasse la fine della miseria e dell’ingiustizia e la possibilità di avere un pezzo di terra da coltivare in proprio. Ma le promesse fatte in tal senso non furono mantenute dal governo italiano che nel Mezzogiorno continuò ad appoggiare i vecchi padroni, i galantuomini
Questa delusione creò nelle masse popolari una profonda ostilità nei confronti del nuovo stato unitario e le rese assai sensibili alla propaganda dell’antico re di Napoli, Francesco il, che, per ritornare in possesso dei suo Regno, decise di puntare tutto su una insurrezione contadina.

<<<<  Indietro - Avanti  >>>>

 
 

 

Ricerche e informazioni per scuole di primo e secondo grado, università e laureandi.

 

© Copyright 2009 - Brigantaggio by TecnoWeb Service